martedì 3 maggio 2011

Storia di una foglia

Quel novembre era ancora relativamente tiepido,tanto che poteva anche sembrare estate, se l'intero bosco non fosse ricoperto ormai di foglie dai mille colori.Era caduta la pioggia, e le foglie erano cadute copiose,e ora creavano uno spesso tappeto.Erano secche, ma ancora emanavano un buon odore che mi riportava indietro nel tempo;il sentiero era lo stesso da sempre, quello che percorrevo con mio padre  quando muniti di cestino, si andava a raccogliere le castagne!Il sole illuminava le gocce cadute  sulle foglie ,filtrando tra i rami ormai quasi spogli.I piccoli insetti, salvi chissa' come, dopo un temporale d'autunno passeggiavano sulle foglie zuppe d'acqua,e si nascondevano sotto il manto  di foglie ad ogni mio passo.I grilli che mi avevano tenuto compagnia con il loro cantare nelle sere  della calda estate, ormai si rifugiavano sotto la terra, in cerca di protezione.Ormai il cielo era bagnato d'autunno, e le ultime rondini, volavano via lontano, chimere fragili come cristalli d'aqcua.Sulla cima di un ramo rimanevano attaccate due foglie,  una vicina all'altra sembrava quasi si stringessero' per paura di volare via, con il prossimo soffio di vento.Due foglie sopravissute alle piogge di novembre, sopravvissute alle fredde notti d'autunno.Quando il vento soffiava forte, e non solo  strappava via le foglie, ma anche i rami, senbrava che si facessero coraggio tra di loro, "Resisti, resisti con tutte le tue forze"Ma quel giorno,  un turbine di vento strappo' una delle due foglie dall'albero e la porto' lontano.L'altra foglia vacillo',ma tenne duro, e nella lingua delle foglie grido' alla sua compagna "torna , torna", Ma ormai era troppo lontana, e lei rimase sull'albero tutta sola in balia del vento,scorreva la pioggia sui frammenti di cio' che era stata un tempo, scorreva la pioggia come lacrime in un cielo sbiadito.Scorreva la pioggia tra le rose sfiorite di novembre, e qui si abbandono'e mentre volava via guardava l'albero ben saldo alla terra, e pensava " Cosa importa a un albero di cosa accade ad una foglia!!La notte fu piu' lunga che mai, buia e gelida, e così lei si  assopi'.Quando si sveglio' tutte le sue paure, le sue ansie erano sparite con la pioggia, ora sapeva  di non essere solo una foglia inerme in balia del vento,  sapeva di far parte dell'universo.Ora volteggia nell'aria, con la felicita' di chi finalmente e' libero. "Harwen"

5 commenti:

  1. Grandissimo racconto! mi sembra di carpire la similitudine tra la foglia e l'essere umano.. non so se sbaglio.. comunque.. complimenti! A presto..Sibilla

    RispondiElimina
  2. Due foglie ...due vite..
    ........
    :(

    RispondiElimina
  3. Per ringraziarti della visita, complimentarmi per il blog, come piace a me...tornerò presto a leggere i tuoi scritti...

    dolce serata...

    RispondiElimina
  4. Wow, questo è bello bello! Molto maliconico ed un pò triste come piace a me!

    RispondiElimina
  5. Silvia!! Bellissimo post! Mi mancavi sai?! Da un po' di giorni non sono passata e non ti ho letto e ho sentito la tua mancanza! Bacio

    RispondiElimina

Lasciate un commento. . .

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...